Crocchette di mandorle su insalata di cetrioli di papaia

Crocchette di mandorle su insalata di cetrioli di papaia

Questa ricetta rende bella ed è semplicemente super deliziosa. E’ facile da digerire, sana e ideale per l’inizio della primavera.
Le mandorle sono anche la migliore fonte di vitamina E.

Il segreto della vitamina E: è un antiossidante che rileva e distrugge i radicali liberi nell’organismo umano.

La ricetta è facile da preparare. Gli ingredienti sono disponibili in ogni negozio biologico o supermercato ben fornito.

Crocchette di mandorle su insalata di cetrioli di papaia

Ingredienti per 4 persone
e 18-20 pezzi

Crocchette di mandorle
1 ½ Cup di mandorle, immerse in acqua per una notte
1 ½ Cup di cipolline, tagliate a fette sottili
1 gambo di sedano, tagliato a fette sottili
1 pezzo di zenzero sbucciato, circa 3 cm
2 cucchiai di succo di limone
2-3 cucchiai di tamari (salsa di soia)
¼ Cup d‘acqua
4 cucchiai di farina di lupino

Scolare le mandorle in un colino. Quindi passare tutti gli ingredienti, tranne la farina di lupino, nel robot da cucina con la funzione ad intermittenza. Aggiungere la farina di lupino e mescolare fino a quando diventa una massa appiccicosa e solida.

Preriscaldare il forno a 150 gradi.

Disporre una teglia con un tappetino in silicone o carta da forno. Immergere due cucchiai in acqua e tagliare le crocchette dall’impasto (forma cilindrica). Mettere in forno per 20 minuti fino a doratura.

Papaia e insalata di cetrioli
1 papaia sbucciata, la polpa tagliata a cubetti
1 cipollina tagliata a fettine sottili
1 gambo di sedano, tritato finemente
½ cetriolo, tagliato a dadini
1 cucchiaio di capperi
2 cucchiai di aneto tritato
½ cucchiaio di aceto di mele non filtrato
1-2 cucchiaio di sciroppo d‘agave

Mescolare accuratamente tutti gli ingredienti e lasciare riposare per 15 minuti. Condire con pepe macinato fresco.

Disporre l’insalata di papaia sui piatti. Uscire le crocchette di mandorle dal forno e posizionarli sopra l’insalata. Decorare con aneto fresco.

www.foodacademy.ch ©



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *